Filter by category
Articoli Interviste

April 9, 2018

Il nostro riformismo ritrovi l'empatia

La risposta all'editoriale del direttore Mario Calabresi

La Repubblica

di Tommaso Nannicini

È innegabile che il Partito democratico abbia subito il colpo della sconfitta elettorale. Ma ha tutte le risorse per uscire dall’afonia di questo frangente. Ha radici solide che affondano ...

March 17, 2018

Jobs act, guai a tornare indietro

Dobbiamo allargare gli ammortizzatori sociali, ma senza fare tabula rasa

La Repubblica

di Stefano Sacchi e Tommaso Nannicini

Il Jobs act ha ridotto gli ammortizzatori sociali per un eccesso di blairismo? No. E vediamo perché.

Fino a 5 anni fa l'Italia era un caso unico tra i ...

Aug. 12, 2017

«I ministeri devono lavorare meglio. Uno slogan non basta»

Troppi piani settoriali, manca il coordinamento. Renzi non è stato troppo ottimista: la crisi è finita. E nessuno può più contestare il successo delle riforme

La Repubblica

di Mauro Favale

«Prima ancora di un piano industriale per l'Italia, serve un piano industriale che faccia funzionare i ministeri: uno per quello dello Sviluppo economico, uno per il Mef, uno per ...

Jan. 12, 2017

«Archiviato uno scontro ideologico antico»

La Repubblica

Valentina Conte

«Il Jobs act è intatto, nessun colpo mortale». I quesiti ammessi dalla Consulta «non lo scalfiscono». E dunque usarli per attaccare il governo Renzi «è pura strumentazione politica che non ...

Oct. 26, 2016

«I richiami non ci preoccupano, il Paese ha bisogno di crescere, con la Ue normale confronto»

Repubblica

di Ferdinando Giuliano

"Le misure non cambieranno, sono eque. Spenderemo 7 miliardi per andare incontro a chi ha subito i costi più duri delle passate riforme"

Sottosegretario Tommaso Nannicini, come commenta la lettera ...

March 14, 2016

«Un piano per la produttività»

La Repubblica

Intervista di Ferdinando Giugliano

Tommaso Nannicini, professore della Bocconi, è diventato sottosegretario alla presidenza del Consiglio in un momento di luci e ombre per l’economia. L’occupazione dà segnali incoraggianti, ma il prodotto ...